Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 20 giugno 2006

SCHIO: MUORE IN FABBRICA TRAVOLTO DAL TORNIO - COMMENTO CGIL E FIOM

NOTIZIA - Incidente sul lavoro lunedì pomeriggio a Schio, nel Vicentino. Un operaio della ditta Maber, Ennio Leoni, di 55 anni, stava lavorando al tornio quando, per cause ancora da accertare, è stato travolto dal macchinario, del peso di due quintali e mezzo. L'uomo è morto sul colpo mentre un suo collega, colpito di striscio, è rimasto ferito. (ag. Linea News) -
COMMENTO - "Il primo pensiero va alla vittima e ai suoi familiari ai quali rivolgiamo sentite condoglianze.
Noi però ci ostiniamo a pensare che non è giusto né inevitabile che si muoia di lavoro nel 2006.
Non sono chiare le dinamiche dell'infortunio mortale occorso a Enrico Leoni. Lo Spisal (servizio di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro delle Ulss), le forze dell'ordine e la magistratura indagheranno.
Proprio perché la dinamica non è ancora chiara, ci chiediamo se alla Maber tutte le norme sulla sicurezza nel lavoro fossero applicate correttamente, se vengono effettuate la formazione, l'informazione e l'aggiornamento periodico previsti dalla legge, se la manutenzione degli impianti, così delicati e potenzialmente pericolosi, sia corretta e regolare.
Se l'infortunio è avvenuto con le modalità descritte dai mezzi d'informazione, non si potrà certo sostenere che si sia trattato di svista o che ci sia qualche responsabilità della vittima, come troppo spesso ci sentiamo dire.
I dati INAIL da qualche anno illustrano una diminuzione del fenomeno infortunistico. E' vero, questo è il dato, dovuto ad una maggiore attenzione di una parte significativa di imprese e dalla nostra costante pressione e dall'attività dei RSL (Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza) per la corretta applicazione delle leggi in materia di sicurezza, a partire dalla 626.
Ma nella nostra provincia abbiamo ancora più di 20 infortuni mortali all'anno nei vari settori produttivi, su una popolazione lavorativa di circa 320.000 addetti. E l'indice di gravità (che misura la durata di assenza dal lavoro) si mantiene stabile.
I dati INAIL sui primi mesi dell'anno, segnalano però che in provincia la situazione tende a peggiorare rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, relativamente al numero di infortuni. Ma le differenze di qualche punto percentuale non intaccano il numero complessivo di infortuni.
Teniamo conto inoltre che è diffuso il fatto per cui infortuni di lieve entità non vengono segnalati all'INAIL, ma, quando va bene, sono trasformati in malattia, e che nella fascia del lavoro nero, purtroppo diffuso e maggiormente a rischio, gli infortuni, anche seri, non vengono segnalati. Anche così si spiega il dato secondo cui una parte degli infortuni, soprattutto gravi e quindi non mimetizzabili, risultano accadere il primo giorno di assunzione.
Si rende perciò necessario un recupero di ruolo ispettivo degli Spisal, i quali operano alacremente, tenuto conto delle risorse e del personale disponibile. E un maggiore impegno nostro, delle nostre controparti, le imprese, per la piena attuazione delle norme di legge, osservano in particolare quelle che parlano di formazione e aggiornamento costante di lavoratrici e lavoratori.
La sicurezza non è un costo, ma un investimento. Questo devono comprendere tutti gli imprenditori.
Perché una vita umana non ha prezzo. E perché gli infortuni gravi scaricano costi elevatissimi sull'intera collettività, oltre a rendere complicatissima la vita di chi li subisce.
Per quanto ci riguarda, da tempo stiamo discutendo sul modo migliore di sostenere il lavoro dei RLS per la sicurezza nei luoghi di lavoro anche attraverso una ripresa della contrattazione aziendale su questo delicato argomento. Molto spesso infatti sono l'organizzazione del lavoro e le modalità in cui questo si svolge a causare infortuni. Su questi fattori si può e si deve intervenire".

Danilo Andriollo
Segreteria CGIL Vicenza

Massimiliano Bianco
Fiom Schio

Nella foto è riprodotto in parte il quadro dal titolo "Incidente sul lavoro", olio su tela di Cecilia Ravera Oneto realizzato nel 1968.

Altri comunicati

Fiom: Il 25 Aprile non è Festa Nazionale per la New Box di Camisano Vicentino

25 aprile 2019 - Di seguito una nota congiunta FIOM e ANPI di Vicenza sulla incredibile vicenda della New Box

PFAS - ZANNI (CGIL): "La Regione Veneto non perda tempo con denunce agli ambientalisti, vogliamo acqua pulita in zona arancione e risposte su lavoratori ex Miteni"!

24 aprile 2019 - Il segretario generale della CGIL di Vicenza, Giampaolo Zanni, interviene in tema di PFAS e invita

CHIUPPANO - CANTIERE LOGISTICA DI GAS JEANS - CONCLUSA LA VERTENZA: E' VITTORIA, 40 LAVORATORI ASSUNTI

24 aprile 2019 -   Si è conclusa nei migliori dei modi la vertenza dei Soci lavoratori della Cooperativa Avior,