Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 9 maggio 2017

CGIL CISL UIL di Vicenza sulla sanità nell'Alto Vicentino (e non solo)

Con riferimento all’ordine del giorno del 4 Aprile scorso approvato all’unanimità dai Sindaci del Distretto n. 2 , Cgil Cisl Uil hanno inviato in data odierna al Presidente del Comitato e per conoscenza a tutti i Sindaci del Distretto, una lettera di adesione al documento.

Cgil Cisl Uil ritengono fondamentaleribadire che il sistema sanitario e socio-sanitario, duramente colpito da tagli nazionali e regionali, ha bisogno, prima di tutto, di essere difeso al di là dei singoli territori distrettuali o di Ulss.

In generale riteniamo che istituzioni, associazioni e forze sociali debbano insieme costruire un percorso comune per:

  • Garantire veramente i livelli di assistenza sanitaria a tutti i cittadini;
  • Diffondere la medicina nel territorio, con particolare attenzione alla prevenzione ed alla riabilitazione;
  • Definire quanto prima i livelli di assistenza sociale;
  • Sviluppare quantitativamente e qualitativamente la rete dei servizi territoriali.

Per quanto riguarda le due nuove Ulss vicentine siamo per affermare che il processo di fusione va condiviso e monitorato attentamente, salvaguardando le buone pratiche esistenti ed utilizzando i risparmi per migliorare e potenziare i servizi.

L’avvio delle medicine di gruppo integrate  va sostenuto e valorizzato. Il radicamento di questa attività  che ha portato enormi benefici sia ai cittadini  che alle casse dell’Ulss, rischia di essere messa in discussione, a torto, rispetto ai futuri investimenti sanitari.

Abbiamo invece bisogno di moltiplicare i punti di riferimento nel territorio come quelli delle Case della salute, degli ospedali di comunità e delle unità riabilitative territoriali. Queste strutture non stanno decollando per mancanza di volontà politica e di finanziamenti. Nel vicentino questi spazi e prestazioni potrebbero benissimo essere accolti all’interno delle case diriposo pubbliche che diventerebbero, a tutti gli effetti,dei centri di servizi rivolti non solo alle persone anziane.

Se poi vogliamo parlare di posti ospedalieri perché non partire dal complessivo sottodimensionamento provinciale? Il rapporto 3,5 posti letto per mille abitanti di cui 0,5 per la riabilitazione risulta deficitario, in particolare proprio nel territorio dell’Alto Vicentino.

Infine, ma non per ultimo, il sistema di emergenza-urgenza. Il Suem è strutturato a livello provinciale,  mala distribuzione dei mezzi non risultacosì capillare ed uniforme al fine di garantire a tutti i residenti un servizio efficace ed efficiente.

Cgil Cisl Uil di Vicenza hanno elaborato una piattaforma e si stanno attivando, in questi giorni, per costituire dei tavoli di confronto sia con i Sindaci e le Aziende Ulss, sia con i Comitati di Distretto.Siamo convinti che solo attraverso un patto tra tutti gli attori radicati nel territorio si possa veramente dare risposta ai bisogni della comunità.

 

Le Segreterie Cgil Cisl Uil

 

Vicenza, 9 Maggio 2017

Altri comunicati

SPI, FNP E UIP CELEBRANO IL GIORNO DELLA MEMORIA

21 gennaio 2018 - Spi Fnp Uip di Vicenza celebrano e ricordano insieme il GIORNO della MEMORIA incontrando GILBERTO

Giorno della memoria: le iniziative dello Spi di Vicenza

21 gennaio 2018 - Giorno della memoria: le iniziative dello Spi di Vicenza   Un fitto programma di iniziative nate

LA LOVATO GAS RIMANE A VICENZA: SIGLATO L’ACCORDO FRA FIOM-CGIL,  LANDI GROUP E REGIONE VENETO

15 gennaio 2018 -   La firma è arrivata dopo quattro mesi di lotta da parte dei lavoratori e ora la storica azienda