Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina, Fiom il 11 ottobre 2017

LOVATO GAS -  Ieri incontro tra le parti. Prebianca (FIOM): “adesso sappiamo di più del piano. Ora lotta per difendere i 110 posti di lavoro!”

 

E’ durato oltre tre ore l’incontro tra le parti sulla vertenza LOVATO GAS che si è svolto ieri pomeriggio nella sede di Confindustria Vicenza in piazza Castello. Nel frattempo in Fiera di Vicenza era in visita il Presidente della Repubblica. 

I rappresentanti delle RSU accompagnati dai funzionari della FIOM hanno incontrato l’amministratore delegato di Lovato Gas, uomo del Landi Renzo Group. La proprietà ha illustrato il piano di dimissioni e di trasferimento delle linee produttive in Polonia, Iran e India. I sindacati hanno ribattuto punto su punto il piano industriale del gruppo. 

“L’ad ci ha presentato il piano che prevede la chiusura di Lovato nei dettagli”, ha affermato Morgan Prebianca della FIOM di Vicenza a capo della delegazione trattante. “Ora sappiamo molto di più.

Queste informazioni ci permettono di dire che siamo nel giusto, sempre più convinti di quello che stiamo facendo perché l’azienda è sana!”

“Nei prossimi giorni assieme ai lavoratori organizzeremo una lotta più intensa finalizzata a mantenere i 110 posti di lavoro qui a Vicenza!”, ha concluso il sindacalista FIOM Cgil.

Durante la trattativa una nutrita rappresentanza dei 110 lavoratori di Lovato Gas ha seguito da piazza Castello l'incontro  partecipando al sit-in per ribadire che l'azienda vicentina funziona e produce utili e soprattutto il fatturato è in crescita. 

 

INTERVISTA VIDEO SU FACEBOOK @cgilvicenza

Altri comunicati

VERTENZA LOVATO GAS: appello sulla Voce dei Berici del Segretario generale della Cgil di Vicenza!

11 dicembre 2017 - VERTENZA LOVATO GAS: Il segretario generale della CGIL di Vicenza lancia un appello a tutte le

REFERENDUM DEL 17/12 SU FUSIONI TRA PICCOLI COMUNI - CGIL CISL UIL DEL VICENTINO INVITANO A VOTARE SI'

2 dicembre 2017 -     In un'epoca caratterizzata dall'assenza di confini, da un'economia globale che condiziona le