Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 14 ottobre 2017

CGIL CISL E UIL E LEGGE DI BILANCIO 2018 DELLO STATO - A Vicenza sit in in Prefettura. Zanni (CGIL): necessari investimenti pubblici per creare sviluppo e posti di lavoro. Altrimenti non si riparte!

 

Giornata di mobilitazione nazionale anche a Vicenza quest’oggi con un sit in molto affollato di Cgil Cisl e Uil in contro Gazzolle dalle 9,30 alle 11. Alle 10,30 una delegazione composta dai segretari generali di Cgil Cisl Uil rispettivamente Giampaolo Zanni, Raffaele Consiglio e Grazia Chisin con lavoratori giovani, disoccupati e pensionati e dei diversi settori (industria, terziario e pubblico impiego) sono saliti dal viceprefetto per illustrare le richieste in vista della Legge di Bilancio 2018.

“Le richieste sindacali presentante al tavolo di confronto col Governo in modo unitario”, ha affermato il segretario generale della Cgil vicentina Giampaolo Zanni - in vista dell’approvazione della legge di Bilancio di quest’anno sono chiare: si parte dal lavoro per i giovani, non attraverso meri incentivi alle assunzioni, ma attraverso investimenti pubblici volti a favorire lo sviluppo industriale e non solo”.

“Ci vogliono nuovi ammortizzatori sociali”, prosegue Zanni, “perché i precedenti strumenti non funzionano più. Inoltre è necessario che il Governo trovi le risorse per rinnovare i contratti del pubblico impiego, fermi al palo da troppo tempo”.

“E poi nella sanità sono ancora troppe le cose che non vanno”, continua il segretario generale CGIL vicentino, “a partire dalle liste d’attesa per certi esami clinici che sono vergognosamente dilatate nel tempo; ma anche la medicina sul territorio non si sviluppa; e le attività di prevenzione sono finanziate in modo corretto, giusto?”

“Capitolo importantissimo è quello delle pensioni”, continua Giampaolo Zanni: “la priorità è bloccare il meccanismo insostenibile socialmente del rapporto tra età pensionabile e aspettativa di vita! E’ evidente a tutti che non si può continuare a fare determinati lavori usuranti dopo una certa età …”

“Ma pensioni significa anche pensioni future per i giovani”, conclude il segretario generale CGIL di Vicenza, “ovvero “pensioni di garanzia”. Ma non basta: è necessario anche allargare le maglie dell’APE sociale: purtroppo di recente siamo venuti a sapere che quasi tutte le domande vengono bocciate! E questo per le persone è un problema molto serio!”

 

Altri comunicati

Valdagno - Nel cantiere della Valentino Fashion (Atlantide) stamane sciopero spontaneo per ritardo pagamento stipendi: in 85 incrociano le braccia!

21 settembre 2018 - Sciopero spontaneo stamane alla Valentino Fashion di Valdagno dove hanno scioperato nel cantiere

Politiche attive per il lavoro: un nuovo Patto provinciale per l’occupazione

17 settembre 2018 - Siglato a inizio estate, presentato alla stampa stamattina un nuovo patto tra Provincia,

Femminicidio a Lonigo - Bergamin (Cgil Vicenza): «MAI PIÙ!»

7 settembre 2018 - Intervento di Marina Bergamin, della Cgil di Vicenza sul drammatico caso dell’omicidio di stamane