Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 2 dicembre 2017

REFERENDUM DEL 17/12 SU FUSIONI TRA PICCOLI COMUNI - CGIL CISL UIL DEL VICENTINO INVITANO A VOTARE SI'

LETTERA APERTA AI LAVORATORI, PENSIONATI, CITTADINI DEI COMUNI DI ARSIERO, BARBARANO VICENTINO, MOSSANO E TONEZZA DEL CIMONE

 

 

In un'epoca caratterizzata dall'assenza di confini, da un'economia globale che condiziona le vite delle persone, i Comuni possono svolgere un ruolo importante per aumentare il benessere dei cittadini.

A fronte di una forte riduzione dei finanziamenti statali è necessario reperire nuove risorse per la gestione dei servizi pubblici sostenendo i processi di aggregazione e fusione delle Amministrazioni Pubbliche.

L'obiettivo è quello di un miglior utilizzo delle risorse economiche e del personale, del mantenimento/miglioramento della qualità dei servizi e delle prestazioni, della valorizzazione delle competenze professionali dei dipendenti.

In particolare per quei Comuni che da tempo soffrono di un progressivo spopolamento ed invecchiamento della popolazione serve il coraggio ed osare.

La fusione dei Comuni, viste anche le risorse messe a disposizione, è una occasione da non perdere, per i cittadini di oggi e per le nuove generazioni.

Lo Stato eroga per i 10 anni successivi alla fusione consistenti contributi straordinari. Per un piccolo Comune significa avere a disposizione, per diversi anni, non migliaia ma qualche milione di euro.

Studi autorevoli, non ultimo quello del Ministero dell'interno, hanno dimostrato che mediamente i Comuni più piccoli offrono meno servizi e fanno pagare tasse più alte.

Siamo convinti che in Italia 8.100 Comuni siano troppi; che troppi siano gli oltre 500 Comuni del Veneto.

In Provincia di Vicenza i Comuni sono 120: 68 hanno meno di 5.000 abitanti, 12 stanno sotto i 1.000 abitanti, 31 tra i 1000 e i 3000 abitanti; solo 22 Comuni superano la soglia dei 10.000 abitanti.

Per modificare in meglio questa realtà c'è la necessità di condividere un processo culturale, politico e sociale con l’obiettivo primario di migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

In questa prospettiva "Stare Insieme” è una opportunità!

Il risultato che si può conseguire può andare ben oltre la semplice sommatoria di due o più comunità perché uniti si è più forti. Le risorse liberate dalle unificazioni potranno essere impiegate per migliorare i servizi, per migliorare la qualità della vita delle persone con investimenti importanti nel territorio.

Come Cgil Cisl Uil sosteniamo i processi di fusione dei Comuni perché siamo fermamente convinti che rispetto all’incertezza economica e sociale di oggi l’errore più grande sarebbe quello di rimanere fermi.

In questo senso tutte le opportunità vanno colte con coraggio e lungimiranza, per il bene dei cittadini, dei lavoratori, delle imprese.

 

Vicenza, Novembre 2017

Segreterie Cgil Cisl Uil Vicenza

 

Altri comunicati

VERTENZA LOVATO GAS: appello sulla Voce dei Berici del Segretario generale della Cgil di Vicenza!

11 dicembre 2017 - VERTENZA LOVATO GAS: Il segretario generale della CGIL di Vicenza lancia un appello a tutte le

I Vicentini della Cgil in 500 oggi a Torino per cambiare il sistema previdenziale e per dare un futuro al Paese!

2 dicembre 2017 - “Per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire