Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 2 dicembre 2017

I Vicentini della Cgil in 500 oggi a Torino per cambiare il sistema previdenziale e per dare un futuro al Paese!

“Per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire futuro ai giovani”. Questi i motivi al centro della mobilitazione nazionale della Cgil di oggi, sabato 2 dicembre, proclamata dopo l’esito del confronto con il Governo sul tema della previdenza, considerato “insufficiente”.

Sono cinque le manifestazioni organizzate dalla Confederazione con lo slogan ‘Pensioni, i conti non tornano!’, a Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari.

“Il vento sta cambiando. Non e’ vero che non ci sono le condizioni per dare risposte positive” e alle aziende dico “smettetela di pensare che si possano prendere i lavoratori uno per uno, discutete con i rappresentanti sindacali. Il vento che sta cambiando ci dice che nonostante quelli che pronosticavano la fine del sindacato, il sindacato continua a essere nei luoghi di lavoro. E di sindacato c’è bisogno”, ha affermato Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, dal palco della manifestazione di Roma e i collegamento con le altre 4 manifestazioni tra cui quella di Torino.

 

Nelle foto alcuni vicentini della folta delegazione che oggi si è recata a Torino alla manifestazione.

Altri comunicati

AL CONGRESSO CGIL RICONFERMATO ZANNI SEGRETARIO GENERALE - IN SEGRETERIA PROVINCIALE FRABETTI E PUGGIONI

24 ottobre 2018 -   In chiusura della seconda giornata di congresso della Cgil provinciale di Vicenza l'assemblea

MONTECCHIO MAGGIORE (VI) - FILT CGIL: SCIOPERO APPALTO ARCESE ALLA LOGISTICA DELLA XYLEM

23 ottobre 2018 - É partito domenica notte lo sciopero che vede coinvolti 30 lavoratori (su una sessantina di

CGIL VICENZA - CONGRESSO PROVINCIALE: la relazione di Giampaolo Zanni e l'intervento di Alberto Peruffo

23 ottobre 2018 - Giornata dedicata all'apertura del congresso con l'illustrazione dell'esempio di Mario Rigoni Stern