Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 10 febbraio 2018

In 1500 alla passeggiata antifascista di venerdì sera: no al razzismo

“Sui valori della libertà e dell’antifascismo non molliamo”. L’ha affermato a margine della manifestazione che si è svolta ieri sera in città a Vicenza da piazza Castello a Piazza Matteotti (e ritorno), il segretario generale della Cgil di Vicenza Giampaolo Zanni. Massiccia la presenza della Cgil, tra gli organizzatori dell’evento che è stato aperto dallo striscione sorretto anche da alcuni esponenti della segreteria della Cgil vicentina, con la scritta: “Da Macerata a Vicenza, fuori i fascisti dalle città!”

Per il sindacato la risposta di Vicenza è stata emblematica: le 1500 persone che hanno preso parte alla passeggiata antifascista hanno confermato i meriti al valor militare del Municipio (la bandiera comunale è decorata con due medaglie d’oro, una per il 1848, l’altra per la lotta di Liberazione) ed hanno ribadito i principi costituzionali antifascisti su cui si fonda la Repubblica.

Dopo i fatti di Macerata, la Cgil si è mobilitata a livello nazionale contro il razzismo, la xenofobia e i simboli e i segni tipici del Ventennio fascista: “su questo dobbiamo essere chiari”, ha ribadito Zanni: “vanno affermati i divieti Costituzionali!”

 

Altri comunicati

FILT - SCIOPERO UNITARIO NAZIONALE TRASPORTO MERCI :oggi lunedì 14 gennaio 2019 a Vicenza volantinaggio in via Scaligeri

14 gennaio 2019 - LUNEDI’ 14 GENNAIO 2018 SCIOPERO NAZIONALE DI 24 ORE PER I LAVORATORI DELL’ AUTOTRASPORTO MERCI

CGIL E FILCTEM presentano esposto in Procura della Repubblica per la tutela della salute dei lavoratori e della popolazione

11 gennaio 2019 - La Cgil e la Filctem (categoria dei lavoratori della chimica) di Vicenza e provincia e del Veneto

Valdagno - Caso Marr Spa: la Filcams sta trattando ma l'azienda è ferma sui licenziamenti a fine mese!

9 gennaio 2019 - Si è svolto oggi l’incontro tra i rappresentanti sindacali dei lavoratori e il direttore generale