Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina, Fiom il 19 febbraio 2018

SCHIO - FERRON (FIOM): “Di xenofobia e fascismo bisogna parlare per alimentare gli anticorpi ai fatti di Macerata” - All’Itis De Pretto Enrico Pieri sopravvissuto all’eccidio nazifascista di San’Anna di Stazzema!

 

“Di questi temi si deve discutere molto di più a partire dalle scuole e dai luoghi di lavoro, affinché cresca la consapevolezza di cosa hanno patito gli italiani sotto il nazifascismo. Dobbiamo discutere di più di razzismo, xenofobia, stragi, Costituzione, perché purtroppo c’è il rischio che manchino gli anticorpi rispetto a quello che sta avvenendo. E il riferimento eclatante è ai fatti di Macerata!” Lo ha affermato il segretario generale della FIOM di Vicenza, Maurizio Ferron, che oggi ha presieduto l’assemblea dei delegati dei metalmeccanici del sindacato della Cgil (120 presenti) nell’aula magna dell’ITIS De Pretto di Schio.

Il tema era “Conoscere il passato, capire il presente e pensare al futuro!”.

Apertura con le letture realizzate dall’attrice Patricia Zanco che ha ricordato alcuni passi di “Tu passerai per il camino, vita e morte a Mauthausen”, scritto da Vincenzo Pappalettera che visse da prigioniero politico quella tragica realtà. La memoria è arrivata anche dalla presenza di un testimone dell’eccidio di Sant’Anna di Stazzema: Enrico Pieri classe 1934 che all’epoca aveva 10 anni e che si salvò per miracolo. Presente anche Graziano Lazzaro, dell’associazione vittime di Sant’Anna di Stazzema dove i nazisti e i fascisti trucidarono alcune centinaia di persone inermi, in gran parte famiglie residenti e sfollate.

La lettura dell’attualità è stata realizzata dal professor Claudio Vercelli, ricercatore storico che lavora con le università di Milano e Torino.

A dare una chiave di lettura politica in senso lato i rappresentanti sindacali: dal segretario vicentino della Fiom Ferron a quello regionale Luca Trevisan. Intervento del presidente dell’ANPI vicentina Danilo Andriollo (invito alla manifestazione di sabato 24 febbraio a Roma) e conclusioni di Stefano Maruca dell’ufficio internazionale della Fiom Cgil.

In sostanza il sindacato Fiom sostiene che si debba avere maggiore consapevolezza di quel che sta accadendo nel Paese, che condiziona la quotidianità di tutti noi e il modo di fare politica. Siamo di fronte a episodi di razzismo e xenofobia che si intensificano: negli ultimi 10 anni in Italia sono stati 5700 di cui 540 nel Veneto.

Per avere consapevolezza occorre avere uno “sguardo lungo”, conoscere la memoria, la storia, avere chiavi di lettura per comprendere il presente e anche per riuscire ad immaginarsi e progettare il futuro.

C’è da sottolineare, hanno affermato a vario titolo gli intervenuti, che la frammentazione del mondo del lavoro (precarizzazione, meno diritti …) non aiuta, e va di pari passo con l’aumento degli episodi di razzismo: o meglio i due fenomeni stanno in relazione e vanno letti insieme.

 

 

Altri comunicati

Valdagno - Nel cantiere della Valentino Fashion (Atlantide) stamane sciopero spontaneo per ritardo pagamento stipendi: in 85 incrociano le braccia!

21 settembre 2018 - Sciopero spontaneo stamane alla Valentino Fashion di Valdagno dove hanno scioperato nel cantiere

Politiche attive per il lavoro: un nuovo Patto provinciale per l’occupazione

17 settembre 2018 - Siglato a inizio estate, presentato alla stampa stamattina un nuovo patto tra Provincia,

Femminicidio a Lonigo - Bergamin (Cgil Vicenza): «MAI PIÙ!»

7 settembre 2018 - Intervento di Marina Bergamin, della Cgil di Vicenza sul drammatico caso dell’omicidio di stamane