Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 3 settembre 2018

Fornaci Rosse, Susanna Camusso: “il 7 ottobre alla marcia Perugia-Assisi per la pace e contro razzismo e fascismo”

Serata piovosa quella di sabato 1 settembre 2018 a Fornaci Rosse. Il maltempo non ha fermato certo il dibattito organizzato con l’intervista da parte di Antonio Martini (addetto stampa della Cgil di Padova) alla segretaria generale della Cgil Susanna Camusso.
Tanti i temi toccati nel colloquio condiviso con più di un centinaio di presenti: tra loro il segretario generale della Cgil veneta Christian Ferrari e il segretario generale della Cgil di Vicenza Giampaolo Zanni. Con loro tanti funzionari e rappresentanti sindacali, ma anche tanti vicentini che seguono in questi giorni il festival della sinistra berica.
Vediamo i tempi più importanti trattati.

TROPPI MORTI SUL LAVORO
“Il protocollo sulla sicurezza sul lavoro (dopo i gravi fatti alle Acciaierie Venete di Padova) che è stato sottoscritto da Cgil Cisl e Uil del Veneto con la Regione - ha affermato Susanna Camusso - è un primo passo: che Zaia si impegni ad aumentare risorse e personale degli SPISAL delle ULSS è importante. Ma non basta evidentemente: manca il versante delle imprese. E su questo vi sono 10 anni di contenzioso che ha origine dall’entrata in vigore delle ultime norme sulla sicurezza sul lavoro. Confindustria si è sempre rifiutata di sedersi al tavolo per intraprendere una strada concreta su questo argomento …”

“UN GOVERNO NON PUO’ ESSERE RAZZISTA E FASCISTA” -
Una frase forte di Susanna Camusso pronunciata dal palco sotto il tendone di Fornaci Rosse il primo giorno di settembre. Questo per la segretaria generale è il “discrimine”. E collegandosi a questo versante che possiamo definire di impegno costituzionale, la Cgil si è impegnata con gli organizzatori della tradizionale marcia Perugia-Assisi che quest’anno il 7 ottobre 2018 sarà connotata sull’antirazzismo e l’antifascismo.
E’ un’anteprima nazionale svelata proprio a Vicenza dalla Segretaria nazionale: la CGIL partecipa alla Marcia della Pace Perugia-Assisi.

CARTA DEI DIRITTI
“Il problema vero è stato ed è ancora il Jobs Act - ha affermato Susanna Camusso - su questo infatti la sinistra italiana ha rotto col mondo del lavoro”.
“Ora non capiamo chi possa tradurre e sostenere nel dibattito parlamentare la nostra Carta dei Diritti del lavoro”. La segretaria generale della Cgil ha espresso la sua preoccupazione per un governo che blocca il paese e, almeno pr ora, non è in grado di intraprendere una strada precisa. Sul tavolo c’è la riforma Fornero (da abolire), la flat tax (“che fa un piacere solo ai ricchi, mica a coloro, i lavoratori, che hanno pagato già di tasca loro la crisi”), gli ammortizzatori sociali (reddito di cittadinanza? cosa c’entra?) il DEF, il rapporto con l’Europa …
“Questo governo deve dare delle risposte urgenti su pensioni e lavoro - ha proseguito Camusso - Bisogna dare risposta al disagio e alle diseguaglianze economiche  e sociali. Ma qual è la risposta?”
Secondo Susanna Camusso bisogna avere una certa visione, fare propri determinati valori perché in discussione c’è anche la democrazia nel nostro Paese. “Per i liberisti (visione economica sposata non solo dai liberali, ma anche dal entro sinistra) il mercato decide tutto - spiega Camusso - per noi è necessario governare la distribuzione delle risorse tra lavoratori, pensionati, cittadini …”

“La flat tax? Sarebbe proprio un’ingiustizia: per la Cgil bisogna applicare un sistema fiscale davvero progressivo”.

NUOVE TECNOLOGIE E LAVORO
Anche su questo versante, che ha impegnato la Cgil recentemente in una prima tornata di riflessione e discussione, albergano delle problematiche importanti da risolvere. Camusso ha fatto notare che gli uomini più ricchi del mondo, sono bianchi e governano aziende che si fondano sulle tecnologie e sulla intelligenza artificiale. “C’è da domandarsi perché la tecnologia sia in mano a pochi - sottolinea Camusso - pertanto è necessario impegnarsi a sostenere l’open source … Anche la tecnologia per evitare diseguaglianze va governata!”
A questo tema la segretaria generale si è collegata alla scuola: ritiene che l’obbligo scolastico fino a 16 anni non sia sufficiente: “dobbiamo innalzare l’obbligo fino all’università per dare a tutti, e non solo ai ricchi, a chi ha di più, le stesse possibilità nel mondo del lavoro!”

INNOVAZIONE
“Dietro alla parola magica innovazione (guai se non ci fosse comunque, ndr) - conclude Camusso - oggi si nasconde ancora molto sfruttamento. Pensate al mondo dei “rider” …”
“E su questo versante siamo orgogliosi come sindacato - chiude - di aver firmato primi nel mondo un accordo con Amazon che prevede cose ovvie se volete: applicazione del CCNL e no al precariato e accordi aziendali precisi sull’orario di lavoro”.

Tanti tantissimi gli spunti dalla serata di Formaci Rosse che ha permesso ai presenti di riflettere e crescere in vista di un autunno che si presenta sempre e comunque caldo. (F.B.)




Altri comunicati

SPI - NO ALLA SVENDITA INCONTROLLATA DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE - IN PROVINCIA SONO 46 GLI IMMOBILI E LE AZIENDE SOTTRATTI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

15 novembre 2018 - No alla vendita incontrollata ai privati dei beni confiscati alle mafie. C’è il rischio di un

VICENZA - CGIL-CISL-UIL - Venerdì 30 novembre 2018 ATTIVO comune su priorità per legge bilancio 2019

14 novembre 2018 - Venerdì 30 novembre prossimo Cgil Cisl e Uil del vicentino si riuniranno UNITARIAMENTE all’hotel

X MARTIRI A VICENZA - Zanni: "Sfregio alla memoria nell'omettere le parole Resistenza e nazifascisti!"

14 novembre 2018 - Dichiarazione di Giampaolo Zanni (segretario generale CGIL Vicenza e provincia) a nome della Camera