Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina il 14 novembre 2018

X MARTIRI A VICENZA - Zanni: "Sfregio alla memoria nell'omettere le parole Resistenza e nazifascisti!"

Dichiarazione di Giampaolo Zanni (segretario generale CGIL Vicenza e provincia) a nome della Camera del Lavoro di Vicenza:

«La Camera del Lavoro di Vicenza ritiene gravissima ed inaccettabile la scelta del Comune di Vicenza di cancellare nell’invito e nell'orazione ufficiale dell'eccidio dei X Martiri, compiuto per rappresaglia dai nazisti dopo l'attentato del 9 novembre 1944, le responsabilità "nazifasciste" e la parola "Resistenza". Vicenza, città medaglia d'oro al valore militare per la lotta di Liberazione, non si merita questo sfregio. La Camera del Lavoro di Vicenza ritiene necessaria una risposta, la più ampia possibile, di tutte le forze che hanno a  cuore i valori della democrazia, della libertà e della giustizia sociale, che furono difesi e testimoniati proprio dalla "Resistenza" contro la dittatura e l'occupazione "nazifascista". Questa è la storia, e la storia va rispettata e onorata. La Camera del Lavoro infine esprime piena e forte solidarietà alle associazioni partigiane, che con la loro preziosa militanza operano per mantenere viva la memoria della nostra storia e dei valori della lotta della Resistenza, nei quali da sempre la Cgil si riconosce».


Altri comunicati

Il Segretario FILCTEM Cgil su sciopero di lunedì 17/12 di 8 ore settore energia, acqua, gas

13 dicembre 2018 - Femca Cisl, Flaei Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil hanno proclamato per lunedì 17 dicembre 2018 uno

ACQUA-LUCE-GAS - LUNEDI' 17 DICEMBRE SCIOPERO GENERALE DI 8 ORE - Comunicato unitario

13 dicembre 2018 - Le Segreterie Provinciali di FILCTEM CGIL, FEMCA CISL, FLAEI CISL e UILTEC UIL di Vicenza aderiscono

SPORTELLO ANTIMOLESTIE: ECCO IL NUMERO DEDICATO - MASSIMA DISCREZIONE

12 dicembre 2018 - Le molestie sessuali, il mobbing, le discriminazioni sul lavoro sono vere e proprie violenze, che