Logo Cgil Vicenza

Camera del lavoro territoriale di Vicenza

Via Vaccari 128, 36100 Vicenza | Tel. 0444 564844

Pubblicato in Prima pagina, Spi il 15 novembre 2018

SPI - NO ALLA SVENDITA INCONTROLLATA DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE - IN PROVINCIA SONO 46 GLI IMMOBILI E LE AZIENDE SOTTRATTI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

No alla vendita incontrollata ai privati dei beni confiscati alle mafie. C’è il rischio di un ritorno ai mafiosi dei beni loro sottratti. È questo l'appello lanciato la scorsa settimana a Castelfranco Veneto (Treviso) dallo Spi (Sindacato dei pensionati italiani) Cgil del Veneto durante la giornata di chiusura dei campi antimafia, iniziativa che vede impegnato da anni il sindacato dei pensionati nei terreni sequestrati o confiscati alla criminalità organizzata in tutta Italia. Un appello rilanciato anche dallo Spi di Vicenza.

Nella provincia berica, secondo l'ultimo monitoraggio effettuato dallo Spi Cgil del Veneto (2017), i beni confiscati in via definitiva e non sono 46. Sul territorio berico i beni confiscati dal più alto valore economico sono quelli di Antonio Serino, pregiudicato napoletano ma residente a Bassano del Grappa, con condanne per ricettazione e tentata estorsione. Serino è stato oggetto della confisca di beni, acquisiti illecitamente, per un valore complessivo di un milione di euro, a causa della sproporzione rispetto al reddito dichiarato. 

Anche lo Spi Cgil di Vicenza, da sempre impegnato nell'educazione alla legalità, esprime forti perplessità sul fatto che il decreto sicurezza ampli la possibilità di vendere ai privati i beni confiscati alle mafie. "Questa scelta rischia di vanificare l'importante azione di contrasto alle mafie introdotta già dalla legge La Torre-Rognoni del 1982, e dalla Legge 109 del 1996, perché i beni potrebbero ritornare in mano alle organizzazioni criminali – spiega Chiara Bonato, neosegretaria generale dello Spi Cgil di Vicenza -.  La vendita, qualora si renda assolutamente necessaria, deve essere accompagnata da un serio progetto di riutilizzo, e attentamente valutato da parte degli organi competenti dello Stato. Immobili e aziende devono essere consegnati alla collettività e gestiti da Enti o Associazioni che si occupano di educazione alla legalità, tema che vede lo Spi del Veneto in prima linea sia nelle scuole sia nei terreni confiscati".

Oltre alla partecipazione ai campi antimafia, in provincia di Vicenza come nelle altre province venete, lo Spi Cgil durante l'anno è andato nelle scuole a parlare di educazione alla legalità portando giornalisti, scrittori e magistrati, mettendo in luce come anche nel Veneto parlare di antimafia sia molto attuale data la presenza sempre più massiccia della criminalità organizzata nella nostra regione. “E non solo – continua Bonato – per il terzo anno scolastico il percorso prosegue con una borsa di studio, finanziata dallo Spi e destinata a 25 ragazzi di tre scuole che parteciperanno ai due campi della legalità del Veneto di Campolongo Maggiore (VE) e Erbè (VR) all’interno del programma di alternanza scuola lavoro. Ciò che ci interessa è formare i ragazzi come lavoratori ma anche e soprattutto dare ai ragazzi competenze di cittadinanza. Il ritorno avuto da parte dei ragazzi è assolutamente entusiasta: non solo sono entrati a capire concetti complessi sulla legalità (anche non pagare biglietto bus è forma di illegalità) e a comprendere come la mafia sia ben insediata anche nel nostro territorio, ma per la prima volta i ragazzi possono entrare in contatto con la realtà del sindacato, creando così un punto di riferimento per il loro futuro da lavoratori”. 

A questo link potete sfogliare la pubblicazione con l’elenco dei beni confiscati in Veneto:           

https://issuu.com/liberetaveneto/docs/beni_confiscati_2018_low__002_     

Altri comunicati

Il Segretario FILCTEM Cgil su sciopero di lunedì 17/12 di 8 ore settore energia, acqua, gas

13 dicembre 2018 - Femca Cisl, Flaei Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil hanno proclamato per lunedì 17 dicembre 2018 uno

ACQUA-LUCE-GAS - LUNEDI' 17 DICEMBRE SCIOPERO GENERALE DI 8 ORE - Comunicato unitario

13 dicembre 2018 - Le Segreterie Provinciali di FILCTEM CGIL, FEMCA CISL, FLAEI CISL e UILTEC UIL di Vicenza aderiscono

SPORTELLO ANTIMOLESTIE: ECCO IL NUMERO DEDICATO - MASSIMA DISCREZIONE

12 dicembre 2018 - Le molestie sessuali, il mobbing, le discriminazioni sul lavoro sono vere e proprie violenze, che